Gattuso al Milan: ed è subito amarcord

    Momenti di alta tensione, interviste esilaranti e citazioni memorabili di Ringhio Gattuso

    “Il percorso è ancora lungo, ma spero che un giorno riuscirò ad allenare il Milan”. Bugia, il percorso di Rino Gattuso è stato molto più breve di quanto potesse immaginare lui stesso solo qualche mese fa. Così, dalla panchina della Primavera, è arrivato proprio dove è sempre voluto arrivare. Gennaro Gattuso è il nuovo allenatore del Milan. Nuovo solo se non consideriamo le indicazioni che dava ai compagni, in tal caso potremmo quasi dire che Gattuso il Milan l’ha già allenato dal campo.

    «Vengo da una famiglia di milanisti. Quando ero alla Salernitana, ero stato già venduto alla Roma: mio padre si impuntò e mi disse che dovevo andare al Milan anche per meno soldi, fece saltare tutto».

    Ringhio Gattuso piace perchè rappresenta la gente

    La sua appartenenza alla squadra e la filosofia di gruppo hanno fatto uscire negli anni tutta la grinta e il carattere combattente di Ringhio, offrendoci l’immagine di un uomo autentico e determinato, capace di dettare legge anche senza prendersi troppo sul serio. Momenti di alta tensione, interviste esilaranti, citazioni memorabili e racconti incredibili. Sia dentro che fuori dal campo, Gattuso ci ha sempre regalato episodi indimenticabili. Eccone alcuni:

    1- Campione del mondo 2006, ubriaco non solo di gioia.

     

    2- Le interviste Calabreasy
    Io penso e parlo in calabrese, è più veloce, è più comodo. Quando devo imprecare lo faccio in calabrese. Chissà quanti morti che t’è muort, morti ‘e mammete o vai a fare in du culu ho tirato durante la mia carriera.”

     

    3- “La sua collezione di schiaffi”
    De Rossi disse: “Andiamo a rompere i coglioni a Rino”. Che stava già dormendo, con la papalina in testa. De Rossi prese un estintore: “Vado a spegnere Gattuso”. Abbiamo bussato, lui ha aperto, Daniele gli ha scaricato addosso tutto quello che c’era là dentro poi è scappato a nascondersi nella sua camera. Ho tentato di scappare, ma ero spacciato in partenza. Quando alle tue spalle c’è Gattuso che ti vuol fare del male, puoi correre finché vuoi, ma alla fine in qualche modo riuscirà a prenderti. Che tu sia gazzella o leone. De Rossi con la serratura ben chiusa faceva lo spiritoso: “Cosa sono questi rumori? Li ho già sentiti nei film di Bud Spencer e Terence Hill”. Era Rino che mi stava facendo vedere la sua collezione di schiaffi. Poi ha salutato ed è tornato a dormire, perché è fatto così”. (Tratto da “Penso quindi gioco”, di Andrea Pirlo con Alessandro Alciato)

    pirlo-gattuso

     

    4-E poi mi è scattata l’ignoranza”
    2011, a San Siro si affrontano Milan e Tottenham in una sfida di Champions League. La partita è tesa. Dalla panchina del Tottenham Joe Jordan urla “Italian Bastard! Italian Bastard!”. Rino Gattuso non capisce più niente, corre verso la panchina del Tottenham e va da Jordan a chiarire la faccenda mettendogli in tutta serenità le mani al collo. A fine partita un altro duro confronto tra i due, con Ringhio che cerca ancora di spiegare a Jordan la sua visione del mondo.

     

    5- “In bocca al Ringhio!”

     

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui