SERIE A – Il prezzo del risultato

    Acquisti, cessioni e investimenti. I risultati ottenuti negli ultimi 3 anni dalle grandi società di calcio della Serie A.

    Serie A, il prezzo del risultatoSerie A, juventus - il prezzo del risultato

    Il cerchio si chiude. Dalla grande forza economica e gestione virtuosa, sia a livello amministrativo che tecnico, allo stadio di proprietà, fortino inespugnabile e fucina di denaro e visibilità. Tutte Cause ed effetti della supremazia della Juventus, ormai stabile tra i migliori club europei.

    Max Allegri, oltre a confermare lo strapotere bianconero in Serie A, ha raggiunto nel suo triennio più risultati del suo predecessore Antonio Conte: 3 Scudetti, 3 Coppa Italia e 2 Finali di Champions League.

    L’azienda Juve: Top Club europeo.

     

     

    Serie A, Roma - il prezzo del risultato

    La Roma americana, spesso indicata come prima rivale dell’imbattibile Juventus, nelle ultime stagioni ha raggiunto una buona costanza di risultati. Tutto ciò nonostante una gestione a volte approssimativa, con campagne di calciomercato fondate sul pagherò (vedi l’importo dei riscatti del 2016/17), l’assenza di un main sponsor (per via di pretese troppo alte) e il ritardo nella costruzione del tanto agognato stadio di proprietà.

    L’identità di una squadra mai matura e in balìa dei continui stravolgimenti non ha permesso di arricchire la bacheca. Troppe le rinunce eccellenti, rese obbligatorie da esigenze di bilancio che hanno più volte stravolto i piani della società.

    La Roma: tante idee, troppe rivoluzioni, poca continuità.

     

     

    Serie A, Napoli - il prezzo del risultato

     

    Ragionando sulla crescita esponenziale della società, al presidente De Laurentis si possono anche perdonare alcuni atteggiamenti al limite e un carattere non certo facile. L’ultimo dei presidenti vecchio stampo ha riportato il Napoli ai vertici del calcio italiano grazie alle sue intuizioni e alla scelta di collaboratori capaci.

    Il co-sfruttamento dei diritti d’immagine dei singoli calciatori, un calciomercato mirato, il valore accresciuto di tutta la rosa e un monte stipendi controllato, hanno consentito alla società partenopea di avvicinarsi alla vetta della Serie A.

    Napoli: Il colpo di genio Sarri e una squadra sempre più squadra.

     

    Serie A, Milan - il prezzo del risultato

    La fine dell’era Berlusconi ha determinato la decadenza dell’impero Milan. La società, non più in grado di sostenere gli stipendi faraonici dei grandi calciatori, si è vista costretta a ridimensionare in maniera sostanziale gli investimenti. Il tentativo nel triennio è stato quello di svecchiare la rosa per ridurre i costi e vendere la società, sperando al massimo nella qualificazione all’Europa League (raggiunta solo nell’ultima stagione). Un’esperienza faticosa per i tifosi rossoneri abituati a ben altri obiettivi.

     

    Dopo lunghe trattative, la società è stata acquistata da una cordata cinese che ha messo a disposizione ingenti cifre per la costruzione di una squadra competitiva e capace di puntare nuovamente allo Scudetto.

    Milan: il nuovo colosso della Serie A.

     

    Serie A, Inter - il prezzo del risultato

    Troppi presidenti. Troppo allenatori. Troppi giocatori. Troppa confusione. L’Inter. Una delle società più blasonate della Serie A e con il potenziale maggiore, si è ritrovata a navigare nelle zone meno nobili del campionato spesso precipitando in un naufragio tecnico, inghiottita da un ambiente pretenzioso e poco disponibile ad accettare ridimensionamenti. L’unica esperienza europea degli ultimi tre anni ha portato al disastroso ultimo posto nel girone di Europa League.

    In questa stagione sembra che sia stata raggiunta una stabilità da parte della proprietà cinese, L’Inter ha messo la “testa a posto” scegliendo dei dirigenti esperti, un allenatore tra i primi in Italia e facendo acquisti mirati.

    Internazionale: l’europa ti aspetta.

     

     

    Serie A, confronto squadre, il prezzo del risultatoLa Juventus è padrona in tutto.

    Mediamente è la società che ha investito di più nel calciomercato e, in assoluto, è quella che ha vinto tutto lasciando le briciole agli avversari.

    Il dato che salta maggiormente all’occhio è l’investimento medio dell’Inter, superiore addirittura a quello della Roma ma decisamente meno fruttuoso a livello di piazzamenti in Serie A.

    La Roma stessa ha cercato manovre economiche anche al di sopra delle proprie possibilità per stare al passo con la Juventus, dovendo però spesso rinunciare ad una continuità tecnica.

    Il Napoli invece è la società che ottimizza maggiormente i propri investimenti raggiungendo comunque ottimi risultati, anzi, crescendo costantemente. 

    Il Milan merita un discorso a parte, in queste ultime tre stagioni ha vissuto il passaggio dalla fine dell’era Berlusconi alla nuova proprietà orientale. Una fase di bassi investimenti e stagioni poco brillanti.

    La gestione del Napoli, la più oculata e redditizia.

    La nuova stagione è appena iniziata e il campionato di Serie A sembra essere tornato ai fasti del passato. Chi vivrà vedrà.

     

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui